Ieri (21.12.2015), il Presidente del Gruppo Consiliare di Forza Italia in Regione Veneto e componente della Commissione Sanità, Massimiliano Barison, ha voluto incontrare la dirigenza, i medici e il personale e visitare il presidio ospedaliero di Montagnana, accompagnato dal sindaco Loredana Borghesan.

“Come è nel mio modo di lavorare – ha dichiarato il consigliere regionale Massimiliano Barison – ho voluto far visita e conoscere direttamente la realtà sanitaria di Montagnana, i servizi offerti e le attese del territorio. Ascoltare gli operatori è per me una consuetudine e una necessità per verificare direttamente la corrispondenza tra obiettivi dati con le schede ospedaliere e i traguardi raggiunti o per valutare eventuali migliorie”.

“L’incontro – ha continuato Barison – è stato particolarmente utile per capire l’importanza del presidio per tutto il montagnanese e la vocazione che sta assumendo. A Montagnana, infatti, oltre a una completa offerta di ambulatori (sono presenti: pediatra, oculista, ortopedico, dermatologo, reumatologo, neurologo, odontostomalgia, ostetrica-ginecologa, medico dello sport, dietista), vi sono altri apprezzati servizi, quali, il prelievo del sangue, la dialisi o la radiologia. Il presidio – ha continuato il consigliere – si sta qualificando però come un vero polo della fragilità. Basti pensare che oltre al reparto di lungo degenza e riabilitazione, con quasi 70 posti letto e 200 ricoveri nel corso dell’ultimo anno, vi è un apprezzato reparto Hospice, che da gennaio ha registrato 116 ricoveri. Nei prossimi mesi infine, è prevista l’apertura della Casa di Riposo che si trasferirà da dentro le mura nei locali riammodernati del vecchio ospedale. Quello di Montagnana diventerà quindi un unicum per la concentrazione e completezza di servizi dedicati agli anziani e alle persone deboli; dalla lungo degenza, alla rete assistenziale e riabilitativa. Questo polo della fragilità merita quindi di essere potenziato e valorizzato, tanto più visto che l’età geriatrica della popolazione si va innalzando”.

A conclusione della visita, il sindaco Loredana Borghesan, ha manifestato ampia soddisfazione. “Qualificare il nostro presidio è un ottimo risultato che completa l’offerta sanitaria della bassa padovana, che da una parte vede nell’ospedale di Schiavonia la sede della cura acuta dei pazienti e qui la lungo degenza e riabilitazione. Ma assieme a questo è importante che i servizi siano mantenuti e potenziati, a partire dal punto di primo intervento che ho voluto fortemente restasse operativo a Montagnana”.

“Il Primo intervento – ha concluso Massimiliano Barison – è dotato di tutte le strumentazioni per gli esami, nonché della presenza dell’ambulanza e di personale medico e infermieristico h 24. E’ un punto di riferimento importante per i cittadini con decine di accessi giornalieri. Resterà quindi operativo. Anzi per il futuro il presidio potrebbe ancora incrementare la sua offerta; gli spazi e la volontà ci sono! Basti pensare a una futura collaborazione che con i medici di base potrebbe portare un ulteriore servizio come quello della medicina di gruppo ”.

foto.ospedale.montagnana