“Anche in questo Bilancio ha tenuto banco la questione del risarcimento alle vittime delle valvole Killer, nota vicenda che nel 2002 ha causato due morti in Veneto e una trentina di reimpianti per sostituire le valvole cardiache difettose impiantate al Centro Gallucci di Padova” è quanto affermano i Consiglieri regionali Massimiliano Barison e Dalla Libera Pietro di Veneti Uniti, che aggiungono:  “La triste vicenda di malasanità del 2002 è ritornata a galla nel 2017, quando in seguito ad una sentenza, l’azienda Ospedaliera ha chiesto la restituzione ai familiari delle vittime di quanto a suo tempo anticipato, a titolo di risarcimento. Nel Bilancio Regionale 2017 sono stati stanziati, quindi, 300 mila euro, incrementati in quello successivo, 2018/2019, a 850 mila euro.

A seguito del riparto del fondo approvato in Commissione spiega Barison è emerso che i familiari delle due vittime risultavano le più penalizzate pertanto, per evitare che al danno si aggiungesse la beffa, tutti hanno espresso la necessità di trovare una soluzione. Abbiamo pensato, quindi, di presentare un emendamento al Bilancio per incrementare il fondo a 900 mila euro, andando a prevedere un incremento di 50 mila euro per un sostegno sociale maggiore e più equo alle famiglie delle due vittime – ribadiscono i due Consiglieri dell’Area Civica.

Siamo soddisfatti concludono Barison e Dalla Libera perché la nostra proposta di giustizia e buon senso è stata accolta da tutto il Consiglio e mette una volta per tutte la parola fine ad una brutta vicenda di malasanità nel Veneto”